photos

Il dr Alessandro M. TERZUOLO si occupa di:

(cliccare su ogni termine per saperne di più)

Affetto: si tratta della combinazione tra le emozioni e le rappresentazioni mentali a cui tali esperienze si associano e dipende dalla storia di vita di ciascuno.

Ansia: Uno stato caratterizzato da una sensazione di paura non connessa ad alcuno stimolo specifico. Si distingue dalla paura vera e propria per il fatto di essere aspecifica, vaga o derivata da un conflitto interiore.
I segni somatici sono una iperattività del sistema nervoso autonomo e in generale della classica risposta del sistema simpatico di tipo "combatti o fuggi". L'ansia è una complessa combinazione di emozioni negative che includono paura, apprensione e preoccupazione, ed è spesso accompagnata da sensazioni fisiche come palpitazioni, dolori al petto e/o respiro corto, nausea, tremore interno.
Può esistere come disturbo cerebrale primario oppure può essere associata ad altri problemi medici, inclusi altri disturbi psichiatrici.
Dal punto di vista emozionale, l'ansia causa un senso di terrore o panico, nausea e brividi.
Dal punto di vista comportamentale, si possono presentare sia comportamenti volontari che involontari, diretti alla fuga o all'evitare la fonte dell'ansia.
Questi comportamenti sono frequenti e spesso non-adattivi, dal momento che sono i più estremi nei disturbi d'ansia.
Comunque l'ansia non sempre è patologica o non-adattiva: è un'emozione comune come la paura, la rabbia, la tristezza e la felicità, ed è una funzione importante in relazione alla sopravvivenza.

Attacchi di panico: Gli attacchi di panico (detti anche crisi d’ansia) sono episodi di improvvisa ed intensa paura o di una rapida escalation dell’ansia normalmente presente. Sono accompagnati da sintomi somatici e cognitivi, quali palpitazioni, sudorazione improvvisa, tremore, sensazione di soffocamento, dolore al petto, nausea, vertigini, paura di morire o di impazzire, brividi o vampate di calore.

Bassa autostima: è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale fondato su autopercezioni. La parola auto-stima deriva appunto dal termine "stima", ovvero la valutazione e l'apprezzamento di se stessi e degli altri.

Calo del desiderio sessuale: è una flessione del desiderio di avere rapporti sessuali che può derivare da vari fattori: cause mediche (es. ormonali o farmacologiche), psicologiche (es. stress o depressione), relazionali (es. conflittualità di coppia), anche concomitanti.

Collera: Sentimento di ira o sdegno che si manifesta con atti o parole violente.

Depressione: Un disturbo dell'umore caratterizzata da un insieme di sintomi cognitivi, comportamentali, somatici ed affettivi che, nel loro insieme, sono in grado di diminuire in maniera da lieve a grave il tono dell'umore, compromettendo il "funzionamento" di una persona, nonché le sue abilità ad adattarsi alla vita sociale.
La depressione non è quindi, come spesso ritenuto, un semplice abbassamento dell'umore, ma un insieme di sintomi più o meno complessi che alterano anche in maniera consistente il modo in cui una persona ragiona, pensa e raffigura se stessa, gli altri e il mondo esterno.

Difficoltà nella gestione delle emozioni: Le emozioni sono un movimento dell'animo, spesso intenso e limitato nel tempo. Sono un processo interiore suscitato da un evento-stimolo rilevante per gli interessi dell’individuo. La presenza di un’emozione si accompagna a esperienze soggettive (sentimenti), cambiamenti fisiologici (risposte periferiche regolate dal sistema nervoso autonomo, reazioni ormonali ed elettrocorticali), comportamenti ‘espressivi’ (postura e movimenti del corpo, emissioni vocali). Gestie le emozioni è particolarmente difficile e non sempre siamo soddisfatti di come le gestiamo.

Disagio: Sensazione di non sentirsi a proprio agio con se stessi o con gli altri, che può essere determinata da fattori psicologici e personali, ma anche dal comportamento degli altri.
Possiamo definire il disagio psicologico come un problema di natura emotiva che si manifesta con profonda tensione, preoccupazione e che genera un grado di insoddisfazione del vivere – attività e interazioni – e nel viversi – nella percezione, nell’immaginazione, nella motivazione, nelle pulsioni, nelle decisioni – e che non permette alla persona di poter esplicare al meglio la propria personalità.

Disturbi del sonno: Possono colpire tutti, a tutte le età: quelli relativi al sonno sono fra i disturbi più frequenti e diffusi, e la sintomatologia relativa all'avere difficoltà di addormentamento, non riuscire a riposare bene o a sufficienza, è fra le più comuni nella popolazione. A volte possono essere disturbi saltuari, mentre a volte possono durare per lunghi periodi.

Disturbi sessuali: Sono caratterizzati da dinamiche psicologiche di tipo personale e/o interpersonale che interferiscono negativamente su uno o più aspetti della sfera sessuale di un individuo.

Divorzio: Il divorzio è l'istituto giuridico che permette lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio quando tra i coniugi è venuta meno la comunione spirituale e materiale di vita ed essa non può essere in nessun caso ricostituita.

Dubbio: Atteggiamento abituale di chi è poco sicuro di sé, indeciso ed esitante, incerto nell’agire per soggezione, per timore del giudizio altrui.
Il dubbio patologico è una forma di disturbo ossessivo caratterizzato dalla presenza di domande alle quali la persona cerca di dare una risposta, senza però che ve ne sia una certa. Questo continuo cercare di ragionare, porta inevitabilmente la persona ad aumentare il numero delle possibilità domanda-risposta. In molti casi, infatti, il dubbio patologico è così invalidante che la persona rimane ore ed ore nel proprio labirinto di domande e risposte, pensando più volte al giorno, sempre alla stessa cosa.

Eccessiva timidezza: Atteggiamento abituale di chi è poco sicuro di sé, indeciso ed esitante, incerto nell’agire per soggezione, per timore del giudizio altrui. Il sistema cognitivo di una persona eccessivamente timida adotta definizioni di base (credenze), di sé o degli altri, che non sono funzionali al raggiungimento dei propri obiettivi e/o all’adattamento nell’ambiente in cui vive e opera.

Eiaculazione precoce: Quando viene a mancare la capacità di permanere allo stato di massima eccitazione per diversi minuti si instaura l'eiaculazione precoce, essa è forse la più frequente disfunzione sessuale maschile. È la condizione per cui un uomo è incapace di esercitare un controllo volontario sul suo riflesso eiaculatorio, per cui ha l’eiaculazione molto prima della partner.

Elaborazione del lutto: L'elaborazione del lutto consiste nel lavoro di rielaborazione emotiva dei significati, dei vissuti e dei processi sociali legati alla perdita dell'"oggetto relazionale", ovvero della persona (parente o amico) con la quale si era sviluppato un legame affettivo significativo, interrotto dal decesso della stessa.

Fobia: Il termine fobia è un'irrazionale e persistente paura e repulsione di certe situazioni, oggetti, attività o persone, che può, nei casi più gravi, limitare l'autonomia del soggetto, ma che non rappresenta un reale pericolo per la persona.
Il sintomo principale di questo disturbo è l'irrefrenabile desiderio di evitare l'oggetto che incute timore.
Pur essendo spesso legata, apparentemente, a un oggetto o una situazione concreta, il contenuto psicologico che è alla base della fobia non coincide con quell'oggetto, che svolge semplicemente il ruolo di motivazione occasionale della crisi fobica.
L'individuo fobico non può sottrarsi volontariamente alla sua paura, sebbene il suo insight sia sufficientemente buono da rendersi conto dell'irrazionalità e della sproporzionalità di questo vissuto, che permane per un determinato periodo di tempo e determina un disadattamento del soggetto al suo ambiente.

Formazione psicologica alle professioni socio-educative e sanitarie;: Attività volta alla costante attività di manutenzione delle proprie competenze

Gelosia eccessiva: La gelosia è un sentimento di ansia e incertezza dell'essere umano, causata dal timore di perdere o non ottenere la persona amata perché essa sia preferita da altri o preferisca altri. La conseguenza può essere di rabbia e risentimento verso chi sia più considerato dalla persona amata; più in generale è causata dal timore di essere traditi dalla persona amata.

Gruppi di sostegno psicologico: Il gruppo di sostegno psicologico è un importante strumento terapeutico capace di mettere in moto un cambiamento individuale e una crescita personale. I Gruppi di Sostegno Psicologico, rappresentano uno spazio dove portare i propri problemi, pensieri e vissuti negativi. Questi gruppi si pongono come obiettivo primario quello di aiutare i membri del gruppo ad affrontare una situazione difficile dell’esistenza, con maggiori risorse e minore sofferenza (un lutto recente, una malattia grave invalidante o che minaccia la vita, la malattia grave di un familiare, il divorzio ecc….) Il sostegno Psicologico è una risorsa che può essere usata sia durante che dopo un evento stressante. Il Gruppo di Sostegno Psicologico offre sostegno attraverso l’acquisizione di informazioni inerenti il problema che viene trattato, possibilità di confrontarsi con persone che hanno lo stesso problema, aumento dell’autostima e aumento dei rapporti sociali

Impotenza: Incapacità a raggiungere o a mantenere un' erezione sufficiente per un rapporto sessuale soddisfacente da ambo i partners. Può comparire dal termine della pubertà alla vecchiaia; può essere un problema occasionale o un problema che si ripete spesso

Ipocondria: E' una preoccupazione immotivata per le proprie condizioni di salute, accompagnata da disturbi psico- fisici e stati di angoscia e depressione.
Il termine deriva dal greco antico "sotto le coste", la sede abituale del dolore addominale.
L'ipocondria ricorre nel 2-3% della popolazione e si presenta più frequentemente negli anziani e nelle donne, soprattutto se queste ultime sono colpite anche da depressione.
La paura della malattia è una convinzione quasi irremovibile e penosa per chi la sopporta.
Non si esce in maniera semplice dall'ipocondria, non bastano esami ripetuti per tranquillizzare il paziente delle sue buone condizioni di salute fisica dal momento che questo tipo di paura è la manifestazione di molti altri problemi emozionali che si focalizzano sul corpo. Possono essere problemi esistenziali o di tipo ansioso depressivo dove un po' inconsciamente c'è una scelta del linguaggio del corpo per esprimere un certo tipo di disagio o di paura.
Però, anche se per un lungo periodo non si presenta realmente nessun disturbo organico, l'ipocondria, come tutte le forme di tipo somatico, può causare più facilmente un circuito fra psiche e soma con l'emergere di una malattia reale con il trascorrere degli anni.
Un po' come se l'aspetto psichico facilitasse la comparsa di un disturbo organico vero e proprio.

Mobbing: Un insieme di comportamenti violenti (abusi psicologici, angherie, vessazioni, demansionamento, emarginazione, umiliazioni, maldicenze, ostracizzazione, etc.) perpetrati da parte di uno o più individui nei confronti di un altro individuo, prolungato nel tempo e lesivo della dignità personale e professionale nonché della salute psicofisica dello stesso.
I singoli atteggiamenti molesti (o emulativi) non raggiungono necessariamente la soglia del reato né debbono essere di per sé illegittimi, ma nell'insieme producono danneggiamenti plurioffensivi anche gravi con conseguenze sul patrimonio della vittima, la sua salute, la sua esistenza.

Momenti difficili della vita: Sono momenti fisiologici della vita i quali segnaono un momento di passaggio da una fase all'altra; a volte il processo ha bisogno di qualche attenzione in più per procedere

Motivazione: l’attività che orienta il comportamento dell’individuo, esprime la capacità individuale di organizzare il proprio comportamento in una determinata direzione, verso determinati oggetti-mete, in seguito all’azione di alcuni stimoli provenienti dall’esterno e sulla base di particolari controlli interni. È una predisposizione interiore – definibile altrimenti come un bisogno, una pulsione o un desiderio – che mette in moto dei comportamenti diretti a obiettivi specifici. La motivazione è dettata sia da fattori intrinseci che da fattori estrinseci alla persona (come l’ambiente socio-culturale di provenienza).

Psicologia: La psicologia è la scienza che studia i processi psichici e mentali, nelle loro componenti conscie e inconscie, attraverso l'uso del metodo scientifico e/o appoggiandosi ad una prospettiva soggettiva intrapersonale. Il termine "psicologia" deriva dal greco psyché = spirito, anima e da logos = discorso, studio. Letteralmente la psicologia è quindi lo studio dello spirito o dell'anima.

Relazione: deriva dal latino (res + latum = portare qualcosa) e può essere intesa come "portare il nostro me all'altro", cioè i nostri pensieri, le nostre emozioni, i nostri stati d'animo per condividerli con lui o lei ed instaurare così un rapporto o un legame.

Separazione: La separazione non pone fine al matrimonio, né fa venir meno lo status giuridico di coniuge. Incide solo su alcuni effetti propri del matrimonio (si scioglie la comunione legale dei beni, cessano gli obblighi di fedeltà e di coabitazione). Altri effetti, invece, residuano, ma sono limitati o disciplinati in modo specifico (dovere di contribuire nell'interesse della famiglia, dovere di mantenere il coniuge più debole e dovere di mantenere, educare ed istruire la prole).

Sindrome: Insieme di sintomi che tendono a presentarsi contemporaneamente.

Somatizzazione: La somatizzazione è un fenomeno per cui un individuo sperimenta un livello variabile di sofferenza psichica attraverso sintomi fisici. Solitamente si tratta di manifestazioni fisiche che ad un esame superficiale potrebbero apparire di competenza medica o chirurgica. Sono disturbi che apparentemente non hanno una base organica, in cui non risulta possibile rintracciare fenomeni fisiopatologici documentabili.

Sostegno psicologico alla coppia: Percorso di aiuto alla coppia che vive una situazione di crisi o di squilibrio temporaneo in cui si cercano possibili vie di uscita dalla situazione problema, migliori capacità di stare insieme e di ristrutturarsi nelle varie fasi del suo ciclo evolutivo. Questo tipo di intervento si attiva con la coppia e/o famiglia in cui è ancora presente il progetto di vivere insieme.

Sostegno psicologico alla genitorialità ed educativo: Colloqui di approfondimento e miglioramento degli stili educativi e della comunicazione in famiglia. Aiuto nella gestione dei conflitti familiari e nello sviluppo di più facili relazioni genitori-figli.

Sostegno psicologico all'individuo: Percorso di aiuto all’individuo in situazione di disagio psicologico e/o relazionale finalizzato non solo al supporto psicologico in senso stretto, ma anche allo sviluppo delle capacità del cliente di prendersi cura di sé e di autodeterminarsi.

Stress: Reazione dell'organismo sottoposto ad una pressione psichica o fisica o entrambe, fenomeno dovuto ad una serie di fenomeni di adattamento metabolico di un organismo all’ambiente esterno; stress significa essere pressato, quindi compiere un lavoro in condizioni di fatica, contro il fisiologico adattamento del corpo umano e, pertanto, significa che l'organismo mette in atto tutta una serie di stimoli adattativi.

Supervisione dei coordinatori: Questa offerta di supervisione si rivolge principalmente alle diverse figure di coordinamento di servizi o di équipe che operano nel campo dei servizi socio-educativi, l’azione di supervisione vuole fornire ai coordinatori momenti di confronto e approfondimento, riguardo alle diverse tematiche che si legano ai temi ed alle azioni del coordinatore, sia in relazione alle problematiche della gestione dell’équipe, sia in relazione ai momenti operativi e di programmazione e valutazione degli interventi. Si propone il momento di supervisione dei coordinatori come un ulteriore momento per affrontare all’interno di uno spazio “protetto” le diverse problematiche e tematiche operative attraverso un continuo scambio di esperienze e metodologie tra i coordinatori e d il supervisore. Pensiamo che questa proposta di supervisione permetta ai coordinatori di rafforzare le proprie competenze di coordinamento e di relazionarsi in modo proficuo con l’équipe di lavoro e diverse strutture operative.

Supervisione d’équipe sulle dinamiche di gruppo: Con la supervisione in questo ambito si vuole offrire uno strumento per migliorare e sviluppare la sinergia necessaria al lavoro in équipe. La supervisione sulle dinamiche crea uno spazio dove può svilupparsi l’identità del gruppo e del servizio. Aiuta a trovare un terreno comune di autoriflessione rispetto alla quotidianità del servizio. E’ in grado di dare legittimità e spazio alla dimensione emotiva del lavoro sociale. Permette agli operatori di rielaborare i vissuti e i ruoli rispetto al servizio e al gruppo. Si costituisce come uno spazio protetto dove agire ed elaborare i conflitti del gruppo. Determina uno spazio dove far emergere nuove domande rispetto al lavoro e aiuta a ricostruirne il senso: diventa un luogo dove dalle pieghe della pratica può emergere la teoria, la “scienza dell’operatività sociale”.

Supervisione sui casi: Questo tipo di consulenza è orientata a creare uno spazio di riflessione, di confronto e apprendimento sulla modalità di condurre interventi rivolti a casi con problematiche specifiche nelle aree minori, handicap e anziani. La nostra équipe comprende professionisti-supervisori in possesso di conoscenze teorico-pratiche specifiche che riguardano tappe evolutive dell’infanzia e dell’adolescenza e le problematiche connesse alla crescita, all’apprendimento, all’educazione; conoscenze specifiche che riguardano le singole disabilità, le implicazioni psicologiche e comportamentali delle singole patologie; nonché conoscenze che riguardano le fasi dell’invecchiamento, le implicazioni psicologiche e sociali rispetto alla malattia e alla morte, le patologie specifiche dell’età come le demenze, le problematiche connesse all’aspetto assistenziale e/o riabilitativo. Ovviamente in tale spazio non può essere tralasciato l’aspetto dinamico della relazione del soggetto descritto nel caso con l’operatore e della relazione dell’operatore con il proprio mondo interno ed esterno, con attenzione anche al qui ed ora dello spazio di supervisione.

Contatta il dr. TERZUOLO

Erich fromm

""Innamorarsi", l'imprevista caduta delle barriere che esistevano fino a quel momento fra due estranei."

Kahlil GibranKahlil Gibran

"Dio mi liberi dalla saggezza che non piange, dalla filosofia che non ride, dall'orgoglio che non s'inchina davanti a un bambino."

Anatole France

"L'ironia è la gaiezza della riflessione e la gioia della saggezza."